_ANDREA LUCA LUCHESI (1741 - 1801)
_(Ultimo maestro di cappella a Bonn, maestro di Ludwig van Beethoven)

__Home / La vita / Le opere / Bibliografia / Discografia / Link

Da leggere attentamente

  • La vita e le opere di questo ignorato compositore trevigiano costituiscono uno dei più avvincenti misteri dell'oscura storia della musica del 700 italiano ed europeo.

  • Luchesi visse l'esatta metà della sua vita nella natia Motta di Livenza ed a Venezia, ed i secondi trent'anni a Bonn, suddito naturalizzato del Principe Elettore di Colonia. Prova chiara della sua valenza internazionale ne è la diffusione, a livello europeo, dei suoi lavori.

  • Una serie ricostruzione biografica e artistica deve perciò coinvolgere anche la patria di adozione. Dal punto di vista storico musicale la sua importanza risulta evidente dal fatto che, chiamato a Bonn come maestro di musica dall'Elettore Max Friedrich, affiancò l'anziano Kapellmeister Ludwig Van Beethoven senior (1774) e la mantenne fino all'invasione da parte delle truppe francesi del Principato (1794) portando la cappella al livello delle migliori cappelle di Germania e istruendo Ludwig Van Beethoven fino alla sua partenza per Vienna di (novembre 1792).
  • Per la sua presenza, ritenuta da molti "scomoda", è stata oggetto di una sistematica cancellazione e al suo postosi è cercato di accreditare Neefe come unico e solo maestro di Ludwig Van Beethoven.

  • Nella musica di Luchesi si trovano già prima del 1771 delle particolarità virtuosistiche e tecniche che diventarono patrimonio di Mozart, Beethoven e che Haydn non possedette mai (secondo i nostri studi Haydn acquistò numerose musiche scritte da Andrea Luchesi).

  • È quasi impossibile ricostruire la formazione artistica di Ludwig van Beethoven ed altri famosi ex componenti della cappella di Bonn senza tener conto del ruolo svolto da Luchesi in Germania nella divulgazione della musica italiana attraverso i suoi lavori, la ricerca di sempre nuove vie artistiche e l'attività didattica.

  • Ricostruire la parte tedesca della vita di Luchesi impone l'esame dei suoi certi rapporti con Franz Joseph Haydn e J.P.Salomon, amico fraterno di Luchesi ed impresario di Haydn a Londra e con Leopold e Wolfgang Amadeus Mozart conosciuti già a Venezia nel 1771.

  • Luchesi risulta uno dei più versatili musicisti del secolo, padrone di tutti gli stili.

  • Vi è una precisa certezza alla base del nostro lavoro: la sua musica è scomparsa ma non perduta.

  • È stata attribuita a diversi autori, probabilmente anche consenziente Luchesi, ma la peculiarità del suo stile e le ricerche codicologiche in atto consentiranno di rintracciare almeno una parte dei lavori del maestro su quale è sceso anche l'oblio del tempo conseguante la sua morte, avvenuta in una Bonn nel 1801.